VIDEO-MARKETING 4.0 

Immagini e video sono il modo più diretto per comunicare nell’era del digitale, ma il 2020 sembra proprio essere l’anno in cui questo trend, ormai nell’aria da parecchio tempo, si è imposto e consolidato. Il lockdown pare infatti aver accelerato un processo già in atto, come riportato da Facebook, che da gennaio ha registrato un + 50% di spettatori nei Live sulla piattaforma rispetto a gennaio di quest’anno. La domanda è stata tale da portare piattaforme come Netflix e YouTube a ridurre la qualità dei video per andare incontro al picco di richieste.

Non c’è quindi più alcun dubbio: se vuoi coinvolgere la tua audience, il video è la chiave, portando più visualizzazioni, interazioni e feedback di qualunque altra tipologia di social post. Il trend riguarda tutte le principali piattaforme social utilizzate su scala globale:

  • L’engagement su Facebook aumenta mediamente del 13,9%
  • I tweet con video portano a 10 volte le interazioni dei post di altro genere
  • Gli utenti di Linkedin sono portati a condividere 20 volte più facilmente i contenuti video
  • Su Pinterest è 2,6 volte più probabile che un acquisto venga compiuto dopo la visualizzazione di un branded video
  • I video generano più interazioni di qualsiasi altro contenuto pubblicato su Instagram

Il video diventerà il protagonista principale della Comunicazione 4.0 ®

Con il 78% delle persone che guarda un video online a settimana e il 55% ogni giorno, non stupiscono le previsioni per il 2022, entro il quale l’82% del traffico riguarderà proprio questi contenuti e 6 utenti su 10 li preferiranno alla TV.

Gli utenti, apparentemente, si faranno sempre meno intenti a leggere anche quando si tratta di valutare o utilizzare un acquisto: il 72% dei consumers già preferisce conoscere un prodotto o servizio attraverso i video, mentre il 59% dei decisione makers dichiara di preferirli alla lettura di contenuti testuali e il 72% dei clienti li predilige ai manuali d’istruzione. Inoltre, le ricerche per “How-to” su YouTube crescono del 70% ogni anno.

Una questione di formati

Nonostante l’orizzontale piaccia ancora molto, con il 60% dei video girati in questo formato e il 75% degli spettatori che dichiarano di preferirlo, occorre tenere sempre ben presente che offrire un contenuto non ottimizzato non è mai una buona idea. Infatti, indipendentemente dalle preferenze personali, l’82% degli users non gradisce guardare video non fruibili per l’orientamento scelto. Un bel peccato se si ha investito tanto, no?

Sicuro è anche il tema del mobile-first, come attesta l’oltre 50% di utenti che usano YouTube da dispositivi mobili.

La lunghezza, invece, è una questione relativa. Al netto del fatto che le piattaforme social preferiscono i contenuti brevi, occorre considerare che l’utente medio non si fa problemi a seguire con sessioni di oltre 40 minuti direttamente dallo smartphone. Insomma, dipende dallo scopo e dalle caratteristiche del contenuto.

Sound on, sound off? Non c’è una regola, ma occorre sapere che, soprattutto per i video brevi, l’85% degli utenti Facebook preferisce non attivare l’audio.

Interazione e nuovi format

È un peccato che solo una minima parte dei marketer si avvalga di video in realtà virtuale, a 360° e interattivi. Soprattutto per questi ultimi, è bene considerare che il 90% delle volte lo spettatore arriva alla fine del video. I 360°, dal canto loro, pur raggiungendo una distribuzione inferiore, vantano un ottimo click-through ed engagement rate. Infine, la virtual reality continua ad essere una tecnologia ancora poco adottata, ma le cose nel tempo potrebbero cambiare, soprattutto a fronte di costi decrescenti e di maggiore supporto dalle piattaforme social.

Sfruttare questi mezzi per primi potrebbe trasformarsi in una perdita di tempo, oppure in un’efficace mossa per prendere di anticipo la concorrenza.

I dati e la penetrazione nel mercato

Non sei ancora convinto che il video marketing possa essere utile anche a te?
Ecco un altro po’ di statistiche, che sapranno farti cambiare idea:

  • Le e-mail con la parola “video” nell’oggetto vengono aperte il 7% di volte in più.
  • Gli utenti passano l’88% di tempo in più su piattaforme web che contengono video.
  • Il 72% degli utenti Instagram compra un prodotto dopo averlo visto in video.
  • L’82% degli utenti Twitter usa l’app per guardare video.
  • Il 41% dei marketer utilizza il Webinar come canale e ha intenzione di farlo anche nei prossimi anni.
  • Il tasso di visualizzazioni delle campagne su LinkedIn è dell’82% per i video.

 

Agenzia di Comunicazione 4.0 srl

Via Allione, 2 – Cuneo 12100 CN

Telefono: 0171.1961191 – 0171.1960717

Email: agenzia@comunicazione4-0.it

Pec: agenzia@pec.comunicazione4-0.it

PIVA 03801410048 – REA CN-317468

PRIVACY POLICY – COOKIE POLICY

Agenzia di Comunicazione 4.0 srl

Via Allione, 2 – Cuneo 12100 CN

Telefono: 0171.1961191 – 0171.1960717

Email:    agenzia@comunicazione4-0.it

Pec:    agenzia@pec.comunicazione4-0.it

PIVA 03801410048 – REA CN-317468 

 PRIVACY POLICY – COOKIE POLICY

Call Now Button